lunedì, ottobre 16, 2006

Sotto il cuscino e sopra il comodino.

L'ingenuità è quella cosa che pensi di aver perso con gli anni, eppoi quando meno te l'aspetti la ritrovi sotto il cuscino, e forse non è che poi l'avevi persa, l'ingenuità.

Penso che le persone si riconoscano dai piccoli gesti.
Non da quello che ti dicono o non ti dicono, ma da quello che fanno o non fanno.

che se non esistessero le parole il mondo andrebbe avanti lo stesso.
Ma se non esistessero le azioni si potrebbe solo immaginare, il mondo.

Io a volte parlo poco, dico un sacco di paole, ma parlo poco.
Volutamente.
Perchè prima di parlare io penso.
ed a volte mi serve un po' di tempo per pensare.
Che il pensiero è lento ed il suo cammino è ostacolato da 1000 dubbi,
ma quando trova la sua strade non si ferma più.
A quel punto riesco a tramutare il pensiero in azione.
E questo quando ne vale la pena...e questo quando possono starci anche le pene.
In tutto.
Per tutto il resto rimangono solo un sacco di pensieri che ogni tanto ritrovo sotto il cuscino.

2 Comments:

Anonymous Su said...

condivido totalmente. Negli ultimi anni è un discorso ricorrente tra me e gli amici più stretti.
Io l'ingenuità, e non so dire se per fortuna o purtroppo, non ho mai pensato di averla persa e infatti me la rimproverano spesso, ma la fiducia nelle parole sì.
E' una costante : quanto più la gente ha facilità a spendere certe parole, tanto meno peso dà loro.
Per questo le persone vanno giudicate dai gesti, unicamente da ciò che fanno. Ché a parole siam buoni tutti.

19/10/06 00:29  
Anonymous nonsolopene said...

Esattamente questo.
Odio le persone che parlano e non agiscono. Mi piacerebbe chiedergli...perchè lo fai?Non ti/vi conveniva stare zitta/o???
bah...?
Comunque anche io in realtà mi ero solo illusa di non esserlo più...ingenua;-)

19/10/06 16:48  

Posta un commento

<< Home